.: Home Page : Articolo : Stampa
La Legge di Murphy
Di Silgmaris Silgmaris (del 20/09/2007, in Saggezza, letto 28191 volte)
Se qualcosa può andare storto allora lo farà.
Non c'è molta chiarezza su chi fosse questo fantomatico Murphy ma qualche ricerca storica lo individua nella persona di Edward A. Murphy Jr. ossia un ingegnere dalla U.S. Air degli anni '40. Egli partecipò a degli esperimenti con razzo-su-rotaia fatti dalla U.S. Air Force nel 1949 per testare la tolleranza del corpo umano all'accelerazione (USAF project MX981). Un esperimento prevedeva un set di 16 accelerometri montati su diverse parti del corpo del soggetto. C'erano due maniere in cui ciascun sensore poteva essere incollato al suo supporto, e metodicamente qualcuno li montava tutti e 16 nella maniera sbagliata.
Durante una discussione con gli altri ingegneri dell'esperimento pare che Murphy pronunciò una delle frasi che più è diventata celebre al mondo: "se ci sono due o più modi di fare una cosa, e uno di questi modi può condurre a una catastrofe, allora qualcuno lo farà." che è la vera Legge di Murphy a differenza di quella che più tardi diventò più nota: "Se qualcosa può andare storto allora lo farà." che non è altro che una legge derivante dalla sua e che è nota come legge di Finagle o legge di Sod.
Dopo pochi giorni da quando l'Ing. Murphy pronunciò la sua frase questa venne riportata anche durante una conferenza stampa dal maggiore John Paul Stapp, uscendo quindi dalle mura del laboratorio in cui venne pronunciata la prima volta.
Nel tempo poi la Legge di Murphy ha avuto innumerevoli applicazioni (da qui la Murphologia Applicata): sull'Umanità, sulla Ricerca, sulla Meccanica e in altri sistemi; altre applicazioni molto note della Legge di Murphy si hanno nell'ambito domestico, difatti un'altra versione molto diffusa della sua legge è quella riconosciuta come Probabilità Domestica che dice: "La probabilità che una fetta di pane imburrata cada dalla parte del burro verso il basso su un tappeto nuovo è proporzionale al valore di quel tappeto." e la sua stessa applicazione fisica, nota come Paradosso del Gatto Imburrato dice: "Se è vero che una fetta di pane cade sempre dal lato imburrato e che un gatto cade sempre in piedi, lasciando cadere un gatto con una fetta di pane sulla schiena nessuno dei due cadrà mai per primo e si avrà il moto perpetuo."
Seguono a queste poi un numero illimitato di chiose, postulati e commenti tra cui è noto quello di O'Toole che dice semplicemente: "Murphy era un ottimista".
Quel che però non sa molta gente che gioca con la Legge di Murphy è che questo lapidario assioma riassume intuitivamente una verità statistica nota a chiunque abbia a che fare con la prevenzione e la sicurezza: per quanto sia improbabile che si verifichi un certo evento, dato un numero sufficiente di occasioni questo finirà per verificarsi; che poi non è altro che l'applicazione della seguente formula matematica:
Applicazione delle Legge di Murphy